Correzione microchirurgica del varicocele nell’uomo

Il varicocele è una dilatazione anomala delle vene che drenano il sangue dal testicolo, che visivamente può ricordare le vene varicose delle gambe. Il varicocele si può sviluppare in un testicolo o in entrambi, ma nell’85% dei casi si sviluppa nel testicolo sinistro a causa della particolare anatomia del drenaggio venoso di questo lato.

Il danno alla funzione testicolare causato dal varicocele è determinato principalmente da un rallentato deflusso di sangue dal testicolo sinistro, e da un aumento della temperatura del testicolo stesso. Ciò può causare diminuzione di numero, motilità e forme normali di spermatozoi nei casi di infertilità associati a varicocele.

E’ scientificamente documentato che nei casi di difficoltà di concepimento in cui: sia vi siano diminuzione di numero, motilità e forme normali di spermatozoi allo spermiogramma, sia alla visita andrologica si riscontri la presenza di varicocele, la correzione chirurgica del varicocele migliora le probabilità di concepimento spontaneo, e di successo riproduttivo con le tecniche di fecondazione assistita.

La chirurgia del varicocele prevede una piccola incisione inguinale attraverso la quale si identifica il funicolo spermatico, che viene aperto. Successivamente si identificano, isolano e legano i vasi venosi funicolari. La tecnica chirurgica più accurata è quella microchirurgica, cioè eseguita con microscopio operatore: permette di identificare anche i vasi venosi funicolari più sottili (maggior radicalità chirurgica) e di riconoscere e risparmiare i sottili vasi linfatici, evitando la principale complicanza dell’intervento del varicocele: la comparsa di liquido intorno al testicolo, o “idrocele”. La procedura è condotta in day hospital.

Se vuoi saperne di più, consulta la nostra scheda “Le possibilità di trattamento nell’uomo”: (Microchirurgia del varicocele)